gnam Lievito Madre Senza categoria

Panini all’olio soffffici soffffici

  • Panini all’olio supersoffici (dose per 10 panini)

In questa ricetta gli ingredienti di base sono sempre loro, semplici , senza aggiunte particolari, la differenza la fanno la farina , le due lievitazioni e la temperatura di cottura in forno:

  • 400 gr di Farina ( multicereali di Molino Grassi, preciso il tipo di farina perché per ottenere questo risultato , in così tante ore di lievitazione gala differenza)
  • 250 gr di acqua,
  • 80 gr di preimpasto *
  • 30 gr di olio extravergine d’oliva
  • 9 gr di sale

Un cucchiaino raso da caffè di succo di mela concentrato( o altrimenti due cucchiaini di miele non troppo sapido – preferibili acacia e arancio- se non avete il succo di mela)

Tutto inizia con un preimpasto, ovvero una sorta di rinfresco liquido almeno 6 ore prima di impastare. Faccio così : 50 gr di lievito madre+50 gr di farina + 50 gr di acqua , da lasciar lievitare a temperatura ambiente per 6/7 ore.
Impasto:
Versare in una ciotola gli 80 gr di preimpasto e unire subito acqua farina e il succo concentrato di mela , impastare a mano delicatamente qualche minuto e lasciare riposare il composto per 15 minuti

Riprendere l’impasto e continuare ad amalgamarlo in ciotola fino a sentirlo liscio ed omogeneo . Uno stop di altri 15 minuti e poi riprenderlo e unire sale e olio. Impastare ancora fino a completo assorbimento di tutto l’olio e sentire tra le mani un impasto liscio elastico e compatto.
Lasciare in ciotola coperta per 6 ore circa ( prima lievitazione)
Formatura:
Trascorse le ore della prima lievitazione stendiamo l’impasto lievitato( che si presenterà pieno di bolle d’aria mentre lo stendiamo ) su una spianatoia o piano della cucina infarinato , va steso delicatamente con le mani per non schiacciare tutta l’aria che già contiene , e lasciargli uno spessore irregolare di 1,5 centimetri . lo tagliamo in 10 strisce tutte uguali se vogliamo una pezzatura come nelle mie foto , se invece vogliamo dei panini più piccini le strisce saranno di più .
Ogni striscia va arrotolata delicatamente su se stessa allungando lievemente la pasta come si procede per formare i cornetti.
Li sistemiamo su due teglie un po’ distanziati perché nella seconda lievitazione raddoppieranno di volume e si potrebbe attaccare gli uni agli altri.
Seconda lievitazione:
Per la seconda lievitazione io li ho sistemati in forno spento e tenuti tutta la notte ( ho però messo in forno un ghiacciolo blu da borsa frigo per stemperare un po’ nel caso non sentissi la sveglia e rischiassi di trovarli “passati di lievitazione”)
La seconda lievitazione dovrà durare 7 ore massimo 8 ma meglio non rischiare perché le temperature delle nostre case sono variabili e la primavera si sta scaldando 😀

Cottura
Li ho infornati a forno caldo a 180 gradi per 35 minuti, su pietra refrattaria. (Ma qui apro una parentesi perché ogni forno è a sé, l’importante è non cuocerli a una temperatura superiore ai 200 perché indurirebbe la crosta che qui invece è rimasta sottile e soffice, e non prolungare troppo la cottura se vedete che sono già pigmentati in giusto..teneteli d’occhio quando sono in forno ecco)


Prima di infornarli li ho nebulizzati in superficie con un emulsione di acqua e olio se però a voi piacciono più lucidi e usate derivate animali potete sempre spennellarli con latte e zucchero o col tuorlo d’uovo, io preferisco di no e li ho lasciati “nature”.

Comments (3)

  • Ciao “Cupida”,
    dove si può acquistare in Sardegna questa farina multicereali Molino Grassi?
    Guarda che sto mettendo in pratica tutti i tuoi consigli…da brava allieva. Lo sai vero che sei il mio mito? <3

    Rispondi
    • Sei un tesoro!!! la farina la ordiniamo on line, facciamo un gruppo dacquisto, se vuoi acquistare anche tu, fammi uno squillo!

      Rispondi
  • Nati qui ho fatto un flop! L’impasto nella seconda lievitazione non ha tenuto, si è completamente afflosciato. Ho voluto fare di testa mia e non avendo la farina che hai consigliato ho miscelato la 0 con la integrale. Missà che non avevano proprio forza per reggere la lievitazione. D’altra parte se tu utilizzi quella ci sarà pure un motivo. Ho dovuto buttare tutto. Aiutami a capire….
    Per l’acquisto di gruppo, si avvisami. Li voglio assolutamente riprovare a fare….non sia mai!

    Rispondi

Scrivi un commento