Food&wine gnam Kitchen Lievito Madre Veggie

Minestrina di zucchina.


La sera a cena,  a volte ho più voglia di coccole e relax che di cibo. E una buona minestra tiepida, leggera, povera ed essenziale come questa, é perfetta. 

Ed é facilissima da fare:

Ingredienti per due persone:

2 zucchine

6 bucchieri d’acqua

2 gr di sale

1 cucchiaio di olio evo

E del pane da inzuppare!
Basta tagliare a strisce le zucchine e poi tagliare ancora le strisce in tanti piccoli quadretti, metterle in una pentola con 5/6 bicchieri d’acqua, un cucchiaio d’olio buono e mezzo cucchiaino di sale. Portare a ebollizione e cuocere così per 30/40 minuti, a fuoco basso col coperchio sulla pentola per tutta la cottura. Se vi piace che sia più cremosa potete inserire anche una patata a pezzi molto piccoli e cuocerà insieme alle zucchine. 

É fondamentale avere del pane da inzupparci su, come in foto. Pane raffermo, integrale o tostato, fate voi. Io ci ho messo del pane integrale di due giorni fa. Prima di affondare il cucchiaio, aggiungo un filo d’olio ed é il top .

Il pane in foto é fatto in casa col lievito madre, ovviamente.😉😃

Food&wine mysardinia Robadanatti Sardegna SardegNAT

Social eating day 2017 a Nughedu S.Vittoria 

Un mese fa a Nughedu Santa Vittoria :

 Una cena nel borgo,  frutto di un impegno serio, che salvaguarda prima di tutto il paese, la gente e il territorio tutto e offre questo ai pochi commensali che ne vogliono cogliere l’essenza. Un giusto e pioneristico mix di modernità, web managing e la genuina lentezza della paesitudine, una serata magica,  sotto il cielo stellato dell’estate 2017.

La Nat mysardinia SardegNAT

Pastora per un attimo

Shhh…Shooting sheeps..!

Fotosequenza rivelatrice della mansueta obbedienza e buona fede di gregge:

Intravvedo un gregge che fa un sonnellino all’ombra in un torrido pomeriggio sardo.

Accosto. 

Parcheggio.

Afferro la reflex, scendo dall’auto e inizio a scattare[foto1]. Probabilmente il click ne desta una , o il maremmano che le guida…si alzano due o tre di loro. Poi quattro o cinque. Poi tutte corrono verso di me , come se la mia figura, il mio vestito celeste o il click della macchina fotografica le avesse richiamate. Per un secondo mi sono sentita Pastora, e il secondo dopo ho realizzato quanto avanzassero veloci [foto 6]

Corro verso l’auto, prendo una storta perché ho i tacchi,( che razza di pastora oh), salgo in macchina e metto in moto.

Mi fermo poco più avanti e le osservo tornare indietro lemmelemme e sconsolate verso l’ombra della loro siesta. Mi sono sentita pure in colpa, l’idea di trovarmi il gregge da gestire e il loro pastore probabilmente inquieto per l’accaduto mi hanno costretto alla fuga. Però che bellissime loro 💙…